Archive

Posts Tagged ‘Vodafone Station’

Combinatore e Vodafone Station 2 senza corrente

28/04/2013 2 commenti

collegamen Vodafone Station 2 combinatore antifurtoSalve
ho un antifurto con combinatore telefonico non gsm, fino ad oggi essendo con telecom non ho ancora avuto alcun problema ogni qualvolta suona l’antifurto arrivano in automatico le chiamate sui nostri telefonini, ora però ho un grosso dubbio perchè tra qualche giorno la linea telefonica verrà passata a vodafone con la vs2 (l’adsl è stata già collegata) il mio dilemma è: quando passerà a vodafone anche la linea fissa l’antifurto mi chiamerà comunque? è vero che se manca la corrente elettrica l’antifurto non potrà chiamare perchè non c’è linea? se così fosse dovrò annullare immediatamente il contratto, grazie mille per l’aiuto, la saluto Anna

Buongiorno Anna

Il suo combinatore telefonico può funzionare anche con la Vodafone Station 2, ma le consiglio di fare una verifica con l’installatore in quanto potrebbe essere necessario ri-programmarlo – l’operazione di per sè è abbastanza semplice, ma senza l’impostazione dell’esclusione del tono di linea (blind dial) il combinatore potrebbe non riuscire ad agganciare la linea. Quindi verifichi assolutamente che funzioni dopo aver installato la VS2!

Per quanto riguarda il problema della mancata alimentazione credo (credo, perchè io non ho la VS2 ma altri utenti lo potranno confermare o smentire) che in effetti in mancanza di corrente la linea telefonica non funzioni. Basterebbe comunque, se vuole risolvere il problema in fretta, mettere un piccolo gruppo UPS di continuità, tipo quelli utilizzati per i computer, per garantire funzionamento e linea telefonica anche in caso di assenza 220V – costano tra i 30 e i 50 euro e li trova in tutti i negozi di computer o su internet.

 

Combinatore telefonico e cambio operatore

12/04/2013 1 commento

collegamen Vodafone Station 2 combinatore antifurtoE’ possibile che ci siano problemi nella gestione delle chiamate da parte dell’impianto di allarme passando da Telecom a Vodafone? Il mio allarme, abbastanza complesso avendo il controllo di una ventina di aperture più vari sensori è stato installato nel 2007.
Grazie per una risposta.
Giovanni

Buongiorno Giovanni

Se non ha fatto riprogrammare il combinatore telefonico, più che possibile direi che è probabile – per non dire quasi sicuro.

Soprattutto se la linea Telecom era PSTN (quindi il classico doppino con la spina tripolare o il jack) e quella Vodafone è una linea emulata via cellulare GSM (tipo Vodafone Station).
Provi a verificare se il combinatore ha l’impostazione del controllo di presenza tono di linea (anche noto come “blind dial”): con una linea emulata (Vodafone) questo controllo DEVE essere escluso (o disattivato). Probabilmente è quello – in caso contrario chieda al suo installatore di riprogrammare il combinatore.

 

Combinatore telefonico e Vodafone Station 2

29/01/2013 3 commenti

collegamen Vodafone Station 2 combinatore antifurtoSalve, ho trovato questo sito molto interessante e vorrei rivolgere una domanda a qualcuno sicuramente più esperto di me.
Attualmente a casa ho un sistema di allarme installato circa 10-12 anni fa, è collegato alla linea telefonica ed ha le sirene esterne, nell’effettuare le chiamate si appoggia alla linea telefonica,non ha un sistema gsm quindi.

Fino a 5 anni fa avevo telecom, era quindi una linea tradizionale con voce e adsl, non voip in quanto anche senza corrente il telefono funzionava; dopo di che sono passato a Tiscali, vennero i tecnici, fecero qualche modifica all’impianto interno così da far funzionare telefono,adsl e allarme; questa linea penso sia voip in quanto senza corrente il telefono non funziona.

Ora vorrei passare a Vodafone, quindi bisogna installare la Vodafone Station 2.

Secondo voi ci sarà qualche problema di incompatibilità? dovrebbe funzionare allo stesso modo della linea Tiscali, ovvero voip.

All’allarme non posso rinunciare per niente, preferisco rimanere con tiscali, nonostante i tanti disservizi, però vorrei trovare una soluzione.

Grazie

Giacomo

Buongiorno Giacomo

Non credo ci siano problemi in quanto la Vodafone Station 2 ha un ingresso emulato per telefoni tradizionali.

Recentemente un utente ha segnalato un problema (questo il post con la segnalazione) ma credo si trattasse di un suo difetto di installazione: a quanto mi risulta ci sono diversi impianti collegati con la VS2 che funzionano bene.

Se il suo combinatore era già stato collegato ad una linea VoIP non dovrebbe avere problemi in quanto l’installatore le avrà già anche configurato l’esclusione del controllo del tono di linea (blind dial) che in genere risulta essere l’unica modifica da fare quando si passa dalla linea tradizionale al VoIP.

 

 

Collegamento Vodafone Station 2 e antifurto

29/12/2012 3 commenti

collegamen Vodafone Station 2 combinatore antifurtoHo un problema con una Vodafone station 2 che non mi sembra rientri nei problemi da lei analizzati. La Vodafone station funziona correttamente e per fare un test sul funzionamento del combinatore dell’antifurto, ho inserito il cavo nell’uscita line 1 della vs. All’inserimento la vs ha smesso di funzionare. Cioè la linea voce e dati è sparita. Nel momento in cui ho staccato il doppino ha ripreso a funzionare. Può aiutarmi?
– Fabri

Buongiorno Fabri

La Vodafone Station 2 ha un funzionamento ed una configurazione un po’ particolare quindi posso fare con lei delle considerazioni di massima ma poi dovrebbe verificare con il Servizio Clienti Vodafone. Provo a fare delle ipotesi, eventualmente può rispondere alle domande che seguono per cercare insieme di isolare ed identificare meglio il problema.

Parto dal presupposto che la sua VS2 sia già attivata e correttamente funzionante, come da lei indicato, quindi immagino che il telefono voce tradizionale collegato al morsetto TEL1 funzioni regolarmente. Ha fatto questa prova con un telefono voce normale? Riesce a chiamare? C’è il tono di libero? Ora, supponendo che la risposta sia sì, scollegando il cavo grigio RJ dalla parte del telefono e collegandolo al combinatore anche questo dovrebbe riuscire a chiamare.

Come fa a sapere che la linea voce non c’è più quando collega il combinatore? L’unico modo dovrebbe essere quello di fare una chiamata di prova col combinatore stesso: ha verificato che sia escluso il controllo del tono di linea (opzione anche nota come BLIND DIAL su alcuni combinatori)?

Quando dice che staccando il doppino (il cavo grigio?) la VS2 riprende a funzionare, intende che ri-collegando il telefono voce a TEL1 torna la linea?

Quale cavo inserisce nella porta TEL1? Il collegamento è unico e diretto e fatto col cavetto grigio? Credo che la VS2 sia configurata per usare un solo telefono voce di default (per più di uno deve chiamare il tecnico Vodafone se non ricordo male).

La soluzione al suo problema dovrebbe essere in una delle ipotesi di cui sopra. Provi a verificare e poi ci faccia sapere cosa succede – anche se ha risolto!

Antifurto casa collegato a cellulare GSM

03/06/2010 21 commenti

Avere un antifurto e non sapere quando scatta l’allarme o, peggio ancora, non fare niente quando scatta l’allarme, è un po’ come comprare un’auto per tenerla sempre parcheggiata in garage.
Gli impianti antifurto hanno lo scopo di segnalare – non di impedire – un’intrusione all’interno dell’area protetta e come tale la segnalazione è la parte più importante e rilevante del loro lavoro. Tipicamente ci sono due tipi di segnalazione: quella locale (ad esempio, la sirena esterna) e quella remota (ad esempio, il combinatore telefonico).
Il combinatore telefonico è un apparecchio che Vi avvisa telefonicamente in caso di allarme (ma anche di guasto dell’impianto). Potete ricevere un messaggio vocale pre-registrato, un SMS o anche una foto o un video (in questo caso serve un collegamento ad una telecamera). Il combinatore è programmato per chiamare più numeri telefonici a Vostra scelta (in genere da un minimo di 3 – il Vostro cellulare, un recapito al lavoro, un vicino di casa – fino ad un massimo di 8 – parenti e amici tutti -) in modo da essere sicuri che l’allarme raggiunga almeno un destinatario.
I combinatori possono utilizzare la linea PSTN (quella tradizionale con la presa tripolare che avete in casa) o GSM, o entrambe. Possono essere utilizzati indipendentemente dal tipo di allarme che avete (via cavo o senza fili wireless) perché sono collegati direttamente alla centralina e necessitano esclusivamente della connessione telefonica (la presa) o di una sim GSM, anche ricaricabile. In situazioni particolarmente a rischio come ville isolate o capannoni in zone industriali si preferisce utilizzare il collegamento GSM o quello doppio GSM+linea fissa per maggior sicurezza vista la possibilità di effettuare un taglio cavi della linea PSTN.
Recentemente molti utenti hanno segnalato problemi con le linee emulate (quelle dell’ADSL tipo Vodafone Station, Fastweb e simili), ma in realtà si tratta semplicemente di impostare il combinatore in modalità Blind Dial, ovvero esclusione del controllo del tono di libero, ed il combinatore funziona perfettamente.
Esistono modelli che Vi permettono anche di inviare comandi all’impianto via tastiera del telefono quando ricevete la chiamata d’allarme (ad esempio, far smettere di suonare la sirena o accendere le luci). Indipendentemente dal tipo di collegamento, comunque, i combinatori possono chiamare qualunque numero fisso o cellulare.
Tra i numeri che potete programmare, è possibile inserire anche le Forze dell’Ordine o gli Istituti di Vigilanza privati. Prima di effettuare il collegamento dovete compilare una modulistica e fare richiesta presso la caserma dei Carabinieri o la Questura competente. Per i Carabinieri trovate le istruzioni in questa pagina, per la Polizia di Stato in questa pagina. Per gli Istituti di Vigilanza privati è necessario fare un contratto con un canone mensile o annuale, mentre ovviamente, per le Forze dell’Ordine il servizio è gratuito.

Combinatori telefonici e Vodafone Station – problemi.

12/02/2009 7 commenti

Parecchi lettori mi hanno segnalato problemi di collegamento tra combinatore telefonico e Vodafone Station: è un argomento un po’ tecnico ma, vista la presenza di segnalazioni anche sui vari forum, vorrei provare a spiegare un po’ la situazione e quale potrebbe essere il problema.
Il problema: I combinatori telefonici PSTN, quelli, per intenderci, che si collegano alla linea telefonica tradizionale (il doppino di rame e la presa tripolare) devono essere conformi alla normativa europea (R&TTE) per poter essere collegati alla rete pubblica. Tale normativa prevede che un apparecchio telefonico (telefono o combinatore che sia) verifichi la presenza del tono di libero PRIMA di comporre un numero telefonico e che, se il tono non è presente, NON EFFETTUI la chiamata. I dispositivi VoIP come la Vodafone Station, non avendo il segnale generato dalla centrale telefonica tradizionale (la cosiddetta ‘portante’), emulano il tono di libero per mantenere la compatibilità con i telefoni normali. Lo stesso succedeva ad esempio con le centrali ISDN che avevano un’interfaccia analogica per collegare i dispositivi non ISDN. Ora, se parliamo di un telefono che trasmette la voce umana questa analisi del tono di libero – detta in modo semplice – non è così raffinata e precisa ed il più delle volte l’emulazione funziona e la composizione del numero parte (e quindi anche la telefonata). Purtroppo (almeno per i possessori di Vodafone Station a quanto pare) l’analisi dei combinatori telefonici per antifurto è molto più accurata e selettiva: l’emulazione del tono di libero non ‘inganna’ il combinatore e la telefonata non parte. [Se volete una spiegazione più tecnica e dettagliata – e comunque per verificare quanto sopra – confrontate questo documento di Vodafone con gli standard supportati dalla Vodafone Station e quanto dichiarato nella documentazione tecnica del vostro combinatore telefonico].
La soluzione: se i due standard non sono compatibili c’è poco da fare. Prima di disperare e cambiare operatore potete però fare un tentativo estremo: diversi combinatori hanno una modalità di test che permette di fare il cosiddetto blind dial, vale a dire la composizione del numero SENZA l’analisi del tono di libero. SE il vostro modello ha questa funzione chiedete all’installatore di fare una prova – magari la fortuna è dalla vostra parte e funziona. In alternativa, passate ad un combinatore GSM o cambiate operatore 😦
Potete anche provare a segnalare il problema a Vodafone ma non credo che possano fare molto (e penso che dal numero di post che ho letto in giro ne siano già al corrente). Per dovere di cronaca, non mi risulta che altri operatori VoIP (Fastweb giusto per dirne uno) abbiano questo problema – ogni segnalazione è ben accetta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: