Archivio

Posts Tagged ‘protezione perimetrale’

Predisposizione per barriere infrarosso

05/04/2013 1 commento

collegamento serialeSalve Mauro,
vorrei predisporre l’impianto antifurto con delle barriere a infrarossi nelle finestre. Il mio installatore mi ha consigliato di predisporre una scatola (503) sotto ogni finestra come punto di raccordo tra la centrale e i due lati delle finestre. Come avviene il collegamento tra le due barriere e la centrale ? Il cavo classico dell’allarme che parte dalla centrale deve fermarsi nella scatola (503) oppure proseguire ad una delle due barriere ?

Grazie
Saluti

Francesco

Buongiorno Francesco

La predisposizione che le hanno suggerito è corretta: il collegamento avviene da un elemento all’altro delle barriere (tx e rx) e poi un cavo prosegue con alimentazione, tamper e allarme verso la centrale. Quindi la scatola andrà collegata con i  lati delle finestre e internamente potrà fare i collegamenti tra i due elementi.

Alternativamente, potrebbe avere un tubo che collega tx e rx della barriera e il cavo che va in centrale che parte dalla scatola – ma la sostanza non cambia, è solo questione di quale predisposizione le viene più comoda.

 

 

Annunci

Protezione balcone scavalcabile

12/03/2013 1 commento

perimetraleBuonasera,
Vorrei chiederLe una consulenza in merito alla mia particolare esigenza di protezione. Il mio appartamento e situato al 3° piano di un fabbricato di tre piani. e tutte le stanze sporgono su due balconi ai due lati della casa. In pratica non esistono finestre o balconate che sporgono sul vuoto. Proteggend questi due balconi e la porta di ingresso è impossibile entrare. Tuttavia non essendo un esperto di impianti d’allarme mi propongono di tutto. Io vorrei un impianto anche con fili che protegga i balconi (quindi con sensori di movimento sugli stessi) E non so che tipo di tecnologia richiedere per ottenere massima sicurezza e affidabilità. considerando che sui balconi batte il sole durante il giorno. I balconi sono lunghi dieci metri circa per 1,5. E confinano con quelli del vicino dal quale sono separati da un tramezzo facilmente scavalcabile.
Che tipo di teconologia mi consiglia.
LA ringrazio per l’aiuto.
– Angelo

Buongiorno Angelo

Vista la conformazione dei balconi, credo che le barriere siano la soluzione che rappresenta il miglior rapporto qualità prezzo. L’area da proteggere è stretta e lunga ed una buona coppia di barriere installate a filo muro dovrebbero proteggere più che adeguatamente gli ingressi e le finestre.

Sarebbe comunque da tenere in considerazione anche un’eventuale protezione con dei sensori doppia/tripla tecnologia da esterno con lente a tenda se, per ragioni installative, le barriere non dovessero essere adeguate (ma questo lo può solo giustificare l’installatore in fase di sopralluogo).

In ogni caso, metterei dei sensori di apertura e roller (a filo) sulle tapparelle o, in alternativa, dei sensori a tenda sui varchi vista la facilità di accesso dal tramezzo confinante.

 

Protezione terrazzo e veranda

26/11/2012 2 commenti

allarme antifurto perimetraleVorrei sapere come proteggere la parte esterna del mio appartamento all’ultimo piano di una palazzina a 5 piani, in particolare il terrazzo (in parte coperto da una veranda che, soprattutto in estate, potrebbe rimanere aperta fino a tardi per il caldo), evitando che i ladri possono entrare in casa, saltando facilmente dal terrazzo condominiale sovrastante al tetto della mia veranda e trovarsi così facilmente sul terrazzo di mia proprietà. Ho un preventivo che prevede la protezione perimetrale delle finestre, provviste di grate, e della porta d’ingresso, nonchè un sensore volumetrico per l’interno. Manca però uno strumento che intercetti una presenza estranea nel terrazzo, soprattutto quando siamo presenti in casa e con le finestre aperte. E’ possibile prevedere un sensore volumetrico da mettere sulla parte superiore della veranda, che intercetti tale presenza e non provochi falsi allarmi quando c’è per esempio volatili o eventi metereologici particolarmente forti, quali piogge intense o grandine o vento? Il preventivo che ho è di circa 1.700 euro + iva e prevede una centrale di controllo a 8 ingressi, una tastiera , 1 sensore a doppia tecnologia a specchio a 7 tende, 1 modulo GSM, 9 trasemttitori via radio, 1 sirena per esterni, 1 sirena per interni. Tutto wirelless. Vorrei infine sapere se l’iva è al 10%.
Grazie
– Liana

Buongiorno Liana

Per la protezione in veranda, la soluzione più affidabile sarebbe proteggere il muro (e quindi gli ingressi) con un sensore con lente a tenda o con una barriera. In questo modo evita eventuali falsi allarmi causati da volatili e ha comunque una protezione sicura su tutta la superficie.

In alternativa potrebbe usare un sensore volumetrico da esterno che che darebbe maggiore copertura in veranda, ma anche maggiore esposizione ad eventuali allarmi legati a volatili ed eventi meteo: la prevenzione in caso di intrusione e’ superiore, anche se il grado di sicurezza in realtà non cambia di molto in quanto il suo vero interesse e’ prevenire lo scasso prima del tentativo e segnalare la presenza quando si trova ancora all’esterno. Forse il gioco non vale la candela e, comunque  l’ipotesi andrebbe valutata bene con l’installatore per non avere i problemi di cui sopra.

Il preventivo che ha inviato mi sembra congruo per il materiale che prevede, mentre per la parte dell’iva  le consiglio di fare prima una verifica con un esperto commercialista – d’obbligo per situazioni di questo tipo – e comunque, e’ possibile applicare l’aliquota iva al 10% con alcune restrizioni e dichiarazioni che potrà  trovare in questa utilissima scheda dell’Agenzia delle Entrate.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: