Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Modulazione di frequenza a banda stretta in sistemi antifurto

Modulazione di frequenza a banda stretta in sistemi antifurto

antifurto wirelessSalve Mauro,
nel cercare di farmi una piccola cultura sugli impianti di allarme, ho letto in una guida trovata cosi per caso nel mare a volte troppo incerto di internet, che un buon impianto di allarme deve lavorare in modulazione di frequenza a banda stretta. E’ una cosa vera questa oppure un’altra inesattezza scritta da chi evidentemente ne aveva motivo a farlo? Nel ringraziarti anticipatamente ti saluto cordialmente.
Andrea

Buongiorno Andrea

La modulazione a banda stretta aiuta la selettività della radio e quindi è una delle tecniche utilizzate per eliminare al massimo il rischio di disturbi. In pratica, riducendo il canale di ricezione della radio si evita che vengano ‘raccolti’ altri segnali (disturbi) che potrebbero essere presenti sulla stessa frequenza o canale limitrofi.

Quindi, in linea di massima, direi che è corretto anche se, come dicevo, non è l’unico modo per ridurre i disturbi o per garantire l’immunità della radio dalle interferenze.

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 19/04/2013 alle 10:28 pm

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: