Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Telecamere allarmate per videosorveglianza

Telecamere allarmate per videosorveglianza

Salve.
Approfitto di questo ottimo blog per chiedere lumi.
Attualmente utilizzo un sistema di videosorveglianza con videocamere analogiche e un dvr avermedia.
Vorrei aumentare il livello di sicurezza, ma non vorrei utilizzare i sistemi “tradizionali” per varie ragioni:
– cavi interrati: costoso
– microonde: spazio insufficiente
– infrarossi attivi: difficoltà di impianto e facilità di aggiramento (per quelli su colonnine)
– doppia tecnologia: rischio significativo di falsi allarmi

E allora, girando in rete, ho trovato i sistemi di video analisi (ce ne sono tanti: aimetis, axis, tecnoaware, ecc.) che esaminano le immagini delle telecamere (analogiche o ip) e individuano le intrusioni all’interno di un perimetro.
Su youtube ci sono dozzine di video che mostrano come funzionano.
Si tratta però di sistemi piuttosto costosi e prima di avventurarmi nell’acquisto, mi piacerebbe sapere se qualcuno ha fatto esperienza in materia e se c’è qualcosa da tenere presente.
Insomma, ogni consiglio è bene accetto.
Grazie.🙂 Enrico

Buongiorno Enrico

si potrebbe scrivere un blog intero sulla questione ma, per cercare di dare una risposta anche se sintetica comunque utile alla sua domanda, direi che le considerazioni da fare sono soprattutto sulla buona illuminazione e sulla stabilità dell’area da controllare.

L’illuminazione è fondamentale in quanto la zona da proteggere dovrebbe essere il più omogenea possibile: avere forti sbalzi di luce comporta problemi in termini di analisi dell’immagine. Questo significa che deve fare attenzione alla regolazione (se presente) sulla telecamera – se è una day/night, ad esempio, o se ha una compensazione automatica – che le renda sempre il campo ben visibile. In assenza di regolazione automatica, dovrebbe compensare con illuminazione esterna, tradizionale o infrarosso a seconda delle necessità.

Legato a quanto sopra c’è anche la questione dell’ottica che monta la telecamera, in quanto il parametro influisce sulla sensibilità necessaria per una nitidezza sufficiente dell’immagine che dovrà essere analizzata. Più il campo è aperto, minore è il dettaglio dell’oggetto e viceversa.

Per quanto riguarda la stabilità, è un discorso soprattutto legato alla taratura che andrà a fare sulle zone allarmate. In genere è possibile selezionare solo alcune aree attive, o aree di maggiore sensibilità dove viene fatta l’analisi dei pixel. Cerchi di evitare, se possibile, situazioni dove ci possono essere interferenze ambientali (piante o oggetti che si muovono se c’è vento, ad esempio, o zone dove si possono creare improvvise luci od ombre). In un primo tempo, può collegare l’allarme solo ad una segnalazione acustica in modo da verificare che l’installazione non crei problemi ed eventualmente regolare le zone con l’esperienza acquisita.

Spero di esserle stato d’aiuto perché mi rendo conto che la materia è molto vasta… ma se ha altri dubbi non esiti a chiedere!

  1. massimo
    29/09/2012 alle 11:41 am

    Le telecmere non sono contemplete dalle norme come impianti antintrusione ma come inpianti di televisione a circuito chiuso e quindi di videosorveglianza.
    Va da se che non debbono essere utilizzate per questi sxopi stante anche la poca affidabilida delle stesse.

    • 01/10/2012 alle 9:54 pm

      Buongiorno Massimo
      No, le telecamere sono contemplate nella EN50132, la norma europea attualmente in vigore per i sistemi di allarme che utilizzano TVCC per applicazioni di sicurezza e una parte del documento include le specifiche ed i requisiti per il motion-detection.

  2. 28/01/2013 alle 9:21 pm

    Proprio molto recentemente sono disponibili nuovi e particolari DVR IP con risoluzione megapixel, anche dotati della funzione di analisi intelligente all’interno di porzioni di aree predefinite della inquadratura generale, come lo spostamento o la rimozione di un oggetto prima presente, ed anche la fuoriuscita da un deteminato varco di persone che però prima non sono state rilevate in ingresso allo stesso varco. Spero di essermi spiegato.

    • Enrico
      29/01/2013 alle 12:50 am

      Grazie Maurizio, potresti darmi qualche indicazione più specifica?

Comment pages

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: