Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Falso allarme sensori roller tapparelle

Falso allarme sensori roller tapparelle

Buongiorno,
ho fatto installare un antifurto per la mia abitazione ed ho dei problemi di falso allarme rilevato dai sensori tipo roller delle tapparelle.
Io ho una situazione in cui tutte le tapparelle, compreso il cassonetto, sono esterni all’abitazione, fatte in alluminio e motorizzate. Ovviamente i sensori sono collocati all’interno dei cassonetti con il classico filo fissato sulla tapparella, per la rilevazione dei movimenti di quest’ultima.
Tutti i falsi allarmi mi sono stati generati da questi sensori, su diverse tapparelle dell’abitazione non sempre le stesse, non alle stesse ore del giorno, sia con tapparelle completamente sia parzialmente abbassate.

L’unica cosa che abbiamo notato è che le tapparelle che danno il falso allarme sono quelle in corrispondenza di un maggiore irraggiamento solare durante le ore del giorno (mai accaduto la sera). Il problema inoltre si è acuito con l’arrivo della bella stagione. Per esempio, mi è successo una mattina che il falso allarme fosse generato dalle tapparelle esposte ad est (irraggiamento diretto), mentre un pomeriggio mi è successo con quelle a ovest.
Abbiamo ipotizzato che potesse essere un problema di dilatazione e quindi abbiamo allungato i tempi d’intervento dei roller, ma nulla di fatto. Il sospetto a questo punto è sul dispositivi roller collocati nei cassonetti. In essi infatti, con irraggiamento solare diretto, essendo completamente di alluminio, possono generarsi temperature molto elevate. Quindi mi domando e vi domando se la causa possa essere questa, cioè un falso contatto del roller a seguito di surriscaldamento.
Non so proprio più cosa pensare, chiedo a voi qualche consiglio, non posso pensare di attivare l’antifurto solo nei sei mesi più freddi dell’anno!

Grazie mille
Saluti a tutti
Roberto

Buongiorno Roberto

Sì, purtroppo i furti avvengono anche (anzi, soprattutto!) d’estate e quindi utilizzare il suo antifurto solo d’inverno non è una soluzione…

Credo comunque che sia molto probabile che l’alta temperatura nel cassonetto possa essere il problema. Non potendo installare le schede in altro luogo mi risulta abbastanza difficile trovare una via d’uscita, se non provare a cambiare modello e vedere se in qualche modo la situazione si risolve.
Potrebbe essere un problema sull’elettronica che forse in altri prodotti (intendo, di altra marca) non si presenta.

In via del tutto sperimentale, prima della sostituzione, può comunque provare ad isolare il prodotto con delle graffette in plastica o un qualunque altro supporto o distanziale che le stacchi dalla superficie del cassonetto, favorendo intorno al roller la circolazione dell’aria. Immagino che a livello di temperatura non cambi molto, ma potrebbe essere sufficiente ad evitare una dilatazione che avviene per contatto e che, casualmente, potrebbe creare un corto circuito nella rilevazione. E’ un tentativo disperato, lo so, ma provare non costa nulla…

Ci faccia sapere !

  1. Giuliano
    28/01/2016 alle 9:54 am

    Ciao , leggo con tre anni di ritardo il tuo problema e do ugualmente la spiegazione o per te se non hai risolto o per chi leggendo ha lo stesso problema.
    La protezione degli avvolgibili , qualunque sia il tipo e modello , so fa con quei sensori tipo jojo che hanno il filo cordicella lungo circa 3 metri che si srotola e arrotola quando si lascia.
    in pratica hai visto che montato nel cassonetto , il filo si arrotola quando sale l’avvolgibile e si srotola quando scende l’avvolgibile , movimenti anche piccoli sali scendi sommano lo spostamento generando impulsi aprechiudi nello swic interno , attenzione che questi impulsi aprichiudi non riesci a misurarli con il tester perchè anche se tu via lentamente , lo swic fa lo scambio velocissimo e il tester segnerà sempre contatto chiuso , è regolare.
    Questi contatti a cordicella non possono essere collegati direttamente a un sensore immediato via radio o filo , ma hanno bisogno di un contaimpusli che facciano scattare l’allarme soltanto al terzo o quarto scatto dello swic , im pratica l’avvolgibile deve muoversi saliscendi almeno 10 centimetri , senza questo accorgimento avrai sempre falsi allarmi senza spiegazione ma è regolare averli.

    Se il tuo allarme è tradizionale a fili e il contatto roller ha il filo che va alla centarle devi mettere una schedina conta impulsi ogni roller , cercala su google è molto economica.
    Se il tuo allarme è senza fili via radio ci sono due alternative , acquisti il sensore radio con la regolazione contaimpusli integrata al sensore radio , oppure se il tuo sensore radio è soltanto immediato devi trovare il contatto roller che abbia il contaimpulsi a bordo , il roller avrà una sua batteria che dura oltre 5 anni e manda il comando scatta allarme soltanto qopo che l’avvolgibile si è mosso di una decina di centimetri , questo roller costa molto più di quello immediato , esempio se io pago roller immediato 4,00€ pagherà quello contaimpulsi immediato almeno 20,00€ .

    Queste informazioni sono esatte tecnicamente , istallo antifurto da oltre 25 anni ,
    resto a disposizione di chi ha bisogno di aiuto

    Giuliano Lodola info@apricancellofaidate.com

    Ciao

Comment pages

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 258 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: