Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Impianto antifurto con predisposizione

Impianto antifurto con predisposizione

Un lettore chiede un consiglio per un impianto:

Stanno ultimando la porzione di trifamiliare dove conto di abitare entro la fine dell’anno. da capitolato risulta la predisposizione per l’impianto d’allarme e ciò mi ha posto il “problema” di montarlo già ora visto che si stanno finendo gli interni.
La casa è strutturata su 2 piani con:
Primo Piano:
– una porta finestra 2,40 m x 2,40 m (H)
– una finestra 2,40 m x 1,00 m (H)
– una porta blindata
– una finestra con apertura anta e ribalta 
– due porte finestra
– garage 
Secondo Piano:
– una porta finestra
– una finestra con apertura anta e ribalta
– due finestre 1,00m x 1,00m

Volevo avere dopo queste indicazioni un consiglio su quale tipologia di antifurto montare ed indicativamente un costo.
Grazie della risposta…

Visto che ha la predisposizione sicuramente le conviene ovviamente scegliere un impianto filare che le permette di usare tutte le tecnologie di sensori e – a parità di prodotto – costa meno.
Fatta questa scontata ma doverosa premessa, indicativamente le consiglierei di proteggere il perimetro con dei sensori a tenda o con delle barrierine a stilo che si installano sull’infisso e che le consentono di attivare l’impianto anche la notte quando lei è all’interno. Sulla porta blindata può mettere un semplice contatto magnetico di apertura ad incasso, invisibile ed efficace (si ricordi di specificare che è per porta blindata!). Quindi al primo piano avrà 5 sensori perimetrali, un contatto sulla porta e diciamo uno o due sensori infrarosso passivo o doppia tecnologia per proteggere l’area interna.
Per il garage, un contatto magnetico sulla basculante ed un sensore doppia tecnologia sono più che sufficienti.
Sopra, 4 sensori perimetrali ed un sensore volumetrico — della tecnologia che ha scelto.
Se vuole proteggere anche le tapparelle può aggiungere dei contatti a filo, mentre se il costo dei sensori perimetrali dovesse essere troppo alto per il suo budget, li può sostituire (meglio se non tutti, però) con dei contatti di apertura. In questo caso le consiglierei di mettere anche quelli a filo allora, almeno sulle porte/finestre più a rischio.
Si ricordi di predisporre le attivazioni (tastiera o chiave elettronica) anche vicino al garage ed al piano superiore o comunque all’interno (per la parzializzazione) e di portare la linea telefonica vicino alla centrale (per il combinatore telefonico).
Il costo dipende dal materiale scelto, ma ad occhio mi aspetterei una spesa intorno ai 1500 euro per un buon impianto di questo tipo.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 10/11/2011 alle 11:33 pm

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: