Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Interfaccia e Manomissione di allarmi senza filo

Interfaccia e Manomissione di allarmi senza filo

Riceviamo da un lettore questa domanda sui sistemi wireless:

in linea di massima, come si interfacciano sensori radio e sirena con una centrale?
C’è una sigla presente sul sensore o sulla centrale che indica che il sistema controlla eventuali manomissioni?

In linea di massima, i sensori e le sirene via radio scambiano con la centrale messaggi relativi allo stato della periferiche, al livello di carica delle batterie ed agli eventuali allarmi in corso. Le trasmissioni sono regolamentate da un protocollo – vale a dire da una modalità di ‘codifica’ digitale del messaggio che, in genere, è diverso per ogni marca di prodotto (protocollo proprietario o privato).
Le singole periferiche sono poi registrate dalla centrale in fase di installazione in una procedura simile all’accoppiamento che si fa con gli accessori bluetooth: il sistema registra nella propria memoria un numero univoco identificativo della periferica in modo da sapere con certezza che tutti i messaggi provenienti da quel sensore, telecomando o sirena devono essere gestiti da quella centrale. La procedura normalmente avviene attraverso l’auto-apprendimento di un codice (si mette la centrale in modalità di ascolto e si genera manualmente una trasmissione in modo che il codice venga memorizzato).
Non esiste una vera e propria sigla per identificare la manomissione (anche nota come tamper o circuito 24h), ma la funzione è presente su tutte le centrali in commercio. Con i sistemi senza filo bisogna però vedere quale tipo di manomissione si intende: alcune segnalano la saturazione del canale radio, altre controllano periodicamente che tutte le periferiche siano regolarmente in funzione a mezzo di un messaggio di stato in vita — ma credo che l’unico modo per vedere nel dettaglio quale di queste modalità venga utilizzata sia di leggere le caratteristiche tecniche del sistema.

  1. Ale
    08/02/2016 alle 11:25 pm

    Vorrei sapere se un sensore magnetico EN50131 Grado 2 e’ protetto contro tentativi di manomissione con magneti, ed eventualmente come capire se lo è. Grazie

  1. No trackbacks yet.

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: