Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Barriere infrarosso alle finestre

Barriere infrarosso alle finestre

Riceviamo da un lettore questo quesito sulla protezione perimetrale:

Salve,
ho un’abitazione già dotata d’impianto d’allarme con protezione sia perimetrale (interruttori alle persiane) sia volumetrico. Quest’estate hanno spezzato le doghe di una persiana per poi fermarsi una volta che l’allarme è partito quando l’hanno aperta. Quindi l’impianto ha fatto il suo dovere ma mi ritrovo con un danno. Immagino che una barriera IR all’esterno avrebbe potuto evitare anche il danno ma ho il sospetto che aumenti di molto il rischio di falsi allarmi. Non avendo conoscenti che mi possono dare un opinione diretta, mi piacerebbe sapere la qual’è la sua opinione. Grazie

In teoria quello che lei dice è vero: qualunque periferica installata all’esterno potenzialmente aumenta il rischio di falsi allarmi.
Credo tuttavia che una buona scelta di barriere a stilo installate esternamente accanto all’infisso siano un ottimo compromesso e risolvano il suo problema. Ci sono ormai diversi prodotti disponibili sul mercato dal profilo sottile ed assolutamente affidabili per segnalare l’allarme prima che il ladro causi un danno; inoltre possono anche essere utilizzate in modalità parzializzata per una protezione quando lei è all’interno della sua casa.
Secondo me sono un’ottima scelta: aumentano la sicurezza e prevengono danni ai serramenti, come nel suo caso, senza incidere pesantemente sul portafoglio.

  1. Lorenzo
    13/10/2010 alle 2:52 pm

    Se posso permettermi in esterno installi solo prodotti marchiati IMQa per posa da esterno. Questo perchè in commercio vi sono una marea di prodotti che promettono mari e monti e alla fin fine ci si ritrova in un mare di guai, anzi nel peggiore dei casi si hanno svariati falsi allarmi con svariati problemi e quasi sempre nessuno sà il motivo. Moto spesso uno di questi è che gli apparati privi di imqa quasi sempre sono meno costosi e non sono protetti da RFI / EMI radiofrequenza di interferenza e interferenza elettromagnetica.
    Purtroppo più passano gli anni e più saremo invasi da questi disturbi

  2. 17/10/2010 alle 9:14 pm

    Grazie per il suo commento Lorenzo.
    In effetti il problema dei prodotti non certificati si riflette poi sul cattivo funzionamento degli impianti e quindi sull’utente.
    Come abbiamo più volte raccomandato ai nostri lettori, verificate sempre che i prodotti siano debitamente certificati (IMQ-A) o conformi alla norma CEI 79-2.

  1. No trackbacks yet.

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: