Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Antifurto per villa bifamiliare

Antifurto per villa bifamiliare

Riceviamo da un lettore questa domanda:

abbiamo appena acquistato una parte di bifamiliare al grezzo, composta da garage e seminterrato con bocche di lupo, piano terra con finestre e porte finestre e mansarda con finestre a tetto. la nostra preoccupazione principale è la sicurezza personale, spt nel periodo estivo quando si tengono le persiane aperte (che peraltro sono di facile apertura e scarsa qualità e che verranno sost in futuro). abbiamo 2 gatti, un figlio piccolo e forse un’altro in arrivo. dovendo scegliere un sistema d’allarme che ci possa proteggere, che ci consiglia? con fili, sensa fili,perimetrale, volumetrico, con barriere, senza.
stiamo ultimando l’impianto elettrico in questo periodo….

La domanda è complessa: la sicurezza di una casa come quella che avete descritto è frutto soprattutto di una buona progettazione del sistema, più che delle tecnologie utilizzate. Quindi il primo consiglio è come sempre di affidarsi ad un buon installatore – prima lo fate, meglio è in quanto se siete ancora in fase di stesura dell’impianto elettrico potete verificare che la predisposizione per l’antifurto sia completa e risparmiare in fase di installazione (vedi l’importanza della predisposizione).
Se la vostra preoccupazione principale è la sicurezza personale, consiglio di prestare particolare attenzione alla parzializzazione dell’impianto, soprattutto alla funzione giorno/notte vale a dire a quella parte dell’impianto che sarà attiva quando vi trovate all’interno della casa. Pianificate bene dove mettere gli attivatori che attivano/disattivano l’impianto dall’interno in modo da ricavare una zona dove muoversi liberamente anche la notte ad impianto attivo, proteggendo con cura e segnalando tempestivamente eventuali intrusioni notturne. Ricordatevi anche che i gatti non rappresentano problemi se usate sensori appositi (vedi …e se ho un animale domestico? ), ma fate una riflessione su dove dormono (o dove possono muoversi di notte) per evitare spiacevoli spaventi infondati…
Per quanto riguarda gli accessi dall’esterno in estate (finestre, porte finestra, etc.) è veramente difficile fare una valutazione di massima. Come forse avrà già letto nei numerosi quesiti di altri lettori, il problema della protezione del perimetro è uno dei più sentiti, ma per ogni domanda troverà una risposta diversa: anche qui, non esiste una soluzione migliore di altre dal punto di vista della tipologia di prodotto. Le soluzioni al suo problema nascono dall’analisi del rischio, dalla facilità di accesso e dalla conformazione architettonica della casa: i contatti magnetici costano poco e sono affidabili, ma se tiene le finestre aperte non servono a niente; le barriere sono un po’ più esigenti in fase di installazione, ma garantiscono protezione anche con la finestra aperta; i sensori da esterno proteggono bene un’area, ma sono più soggetti a perturbazioni ambientali… Valuti singolarmente i pro e i contro e scelga la soluzione più adatta in base al problema che lo specifico ingresso / finestra / porta le pone.
Lo so, forse avrà ancora mille domande… spero comunque di esserle stato d’aiuto e se veramente dovesse avere altre domande, ci scriva ancora !

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: