Home > Guida alla Sicurezza > L’importanza della predisposizione per l’antifurto

L’importanza della predisposizione per l’antifurto

Se state pensando ai lavori da fare per ristrutturare la vostra casa, forse è giunto il momento di pensare alla predisposizione dell’antifurto. Qualche tubo in più posato durante i lavori per l’impianto elettrico possono, subito o quando deciderete di installare un sistema di allarme, farvi risparmiare soldi e risolvervi molti problemi tecnici. Vediamo perché: molto schematicamente, un sistema antifurto è composto di una centrale, delle periferiche di ingresso (i sensori volumetrici ed i contatti magnetici), delle periferiche di uscita (la sirena ed il combinatore telefonico) e di uno o più dispositivi di comando (tastiera, chiave elettronica o telecomando). Ricordiamo che ci sono tre tipologie di impianto antifurto: con i fili (anche detto filare), senza fili (anche detto via radio o wireless) e misto (filare + via radio).
Per i sistemi filari, fare la predisposizione dell’impianto equivale a fare posare i tubi per il passaggio dei cavi per il collegamento dei componenti alla centrale e/o del combinatore telefonico, se presente. Il tipo di cavo da utilizzare è indicato nella documentazione del prodotto ma, tipicamente, si utilizza cavo schermato anti-fiamma 4×0.22+2×0.50 quindi non molto grande. Se non potete stendere tubi potete utilizzare una canalina esterna ma, importante!, ricordate sempre che nei tubi dove passano cavi della corrente elettrica (per Legge) non devono passare altri cavi se non certificati da un elettricista abilitato – e comunque devono essere cavi con schermatura speciale.
Per i sistemi via radio non è necessaria predisposizione. Comodo, ma… i sistemi wireless costano di più, non possono sfruttare tutte le tecnologie per problemi di consumo e hanno un costo di mantenimento legato alla sostituzione periodica delle batterie.
Per i sistemi misti filare+via radio valgono le considerazioni di cui sopra, con l’aggiunta che sostanzialmente potete prendere i pregi di entrambe i sistemi e scartarne i difetti. Le centrali che supportano sia sensori cablati che senza filo Vi permettono di effettuare un’installazione semplice sia dove c’è la predisposizione (il tubo), sia dove la stesura del cavo rappresenta un problema.
Dove dovete predisporre i tubi?

  • dalla/e porta/e di ingresso a dove installerete la centrale (nel ripostiglio, ad esempio) per gli attivatori (chiave elettronica o tastiera) + contatto magnetico di apertura
  • dalle finestre (o porte-finestra) se sono accessibili dall’esterno alla centrale (ottimo per contatti magnetici che costano poco e vi proteggono anche quando siete in casa)
  • dalla centrale al balcone (o all’esterno) per la sirena
  • dalle stanze dove volete mettere dei sensori alla centrale
  • IMPORTANTE: ricordatevi di portare la LINEA TELEFONICA alla centrale – vi servirà per il collegamento del combinatore telefonico

Quanto sopra è una breve e sintetica introduzione alla predisposizione per l’antifurto scritta in collaborazione con gli amici di convivendo.net: se desiderate approfondire l’argomento della ristrutturazione della vostra casa, potete trovare maggiori dettagli e fare domande (o commenti) anche nel  sito http://www.convivendo.net e scaricare gratuitamente un e-book per principianti alle prese con i problemi di ristrutturare casa.

  1. Graziella
    25/05/2014 alle 7:29 pm

    Buonasera,
    complimenti per il post che è molto chiaro. Quello che non ho capito è se, per un antifurto coi fili, i tubi passano a parete o a pavimento. Sto effettuando una ristrutturazione e l’elettricista mi chiede di decidere in fretta (prima del rifacimento del massetto e della posa delle piastrelle) se effettuare la predisposizione.
    Devo definire il lavoro così presto?
    Grazie

    • 26/05/2014 alle 12:57 pm

      Buongiorno Graziella
      Non esiste sostanziale differenza tra parete o pavimento per il passaggio dei tubi. La predisposizione serve a far in modo che ci sia un passaggio indipendente per i cavi allarme che colleghi sensori e periferiche in generale alla centrale – ma poi se questo passaggio si trova nel pavimento piuttosto che nel muro non fa alcuna differenza.
      La sostanza è che deve unire due punti per collegare un cavo: se si tratta di un sensore avrà quasi sicuramente un passaggio a muro, ma se poi prosegue con il corrugato sotto pavimento fino alla centrale che differenza può fare?
      E’ la posizione delle periferiche che deve decidere in fretta visto che sta ristrutturando – se no dopo deve rompere di nuovo i muri…😉

Comment pages

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: