Home > Pillole di Sicurezza (domande&risposte) > Sensori infrarosso da esterno e falsi allarmi

Sensori infrarosso da esterno e falsi allarmi

Riceviamo da un lettore questa domanda:

come si comportano i sensori ad infrarosso (montato esternamente) in caso di nebbia e altre avversità atmosferiche (neve, per esempio)?
esistono delle tecnologie in grado di contrastare questi svantaggi? i rilevatori a microonde hanno queste limitazioni?

Intanto bisogna precisare che esistono due tipi di sensori infrarosso: quelli attivi e quelli passivi. I più comuni sono i passivi e vengono utilizzati nella maggior parte dei casi per le protezioni volumetriche interne, soprattutto per la praticità d’installazione, l’ottimo rapporto qualità/prezzo e l’elevata immunità ai falsi allarmi. I sensori infrarosso attivi, invece, sono barriere che sfruttano l’interruzione di un fascio gestito da un emettitore ed un ricevitore (simile al principio della fotocellula). In genere i prodotti che usano infrarosso passivo quando usati esternamente proteggono uno o più ingressi e si installano in prossimità del muro di una casa o sotto un portico, al coperto. Diciamo che in linea di massima applicazioni diverse da queste devono essere attentamente valutate alla luce dei limiti fisici di questa tecnologia e dei rischi ad essa collegati. Inoltre l’infrarosso passivo rileva la variazione del gradiente termico e quindi è immune a questo tipo di interferenze atmosferiche per sua natura. Quindi, per rispondere alla tua domanda, un sensore infrarosso passivo da esterno montato filo muro o sotto portico non risente dei fenomeni atmosferici tipo nebbia o neve. Il problema potrebbe invece presentarsi nel caso di una barriera da esterno che utilizza infrarosso attivo: una fitta nebbia causa l’interruzione del fascio e genera quindi un falso allarme. Meno probabile (ma non da escludere totalmente) è il caso della neve, ma la consistenza della nebbia è molto più ‘nociva’ dell’occasionale fiocco di neve che interrompe il raggio — ricordiamoci che l’interruzione deve essere costante e più lunga delle frazioni di secondo che la neve impiega ad interrompere un fascio di luce. Quindi, in sintesi, la nebbia fitta crea problemi, la neve di solito non più di tanto.
I sensori microonda non sono particolarmente indicati per le protezioni esterne: sono troppo sensibili e quindi difficili da immunizzare ai falsi allarmi che un ambiente ‘perturbato’ come, ad esempio, un giardino può presentare (animali, vento che sposta alberi e foglie, etc.). Si preferisce utilizzare la doppia tecnologia (infrarosso + microonda) proprio per limitare i falsi allarmi, garantendo comunque un buon livello di sicurezza. Per applicazioni un po’ più sofisticate esistono anche le barriere microonda, che hanno tuttavia un costo maggiore e necessitano di particolari attenzioni in fase di installazione ma che offrono un elevato grado di sicurezza in ambienti esterni particolarmente controllati.

  1. Roberto
    24/02/2013 alle 4:40 pm

    Mauro se ti servono informazioni per darmi un consiglio fammi te le domande.. Saluti

  2. Roberto
    17/10/2015 alle 6:37 pm

    Buonasera,sono Roberto e avrei bisogno di un consiglio per proteggere la parte esterna tra il giardino e i vari ingressi di porte,finestre e finestroni!…mi spiego meglio: io ho un perimetrale su ogni finestra e porta,ma la mia intenzione è quella che ,con delle barriere ad infrarossi che leggono a 90° con due fasci di “luce”,non so bene a quanti cm l’uno dall’altro,al momento dell’iterruzioni di entrambi i raggi (escludendo quindi il mio gatto),attivare dei “preallarmi” con accensioni di luci in giardino o luci in alcune stanze o impianti irrigazione o sirena interna ecc..
    Ho sentito parlare di queste barriere(alimentate a corrente)…ma ho poche informazioni e quindi vi chiedo:esistono veramente ed hanno un efficacia reale per come le voglio sfruttare io?..che costi hanno?..sono facile da escludere per un maleintenzionasto che vuole entarre in casa?

Comment pages
1 3 4 5

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: